Il risvolto green della fatturazione elettronica b2b

 di Mario Gambazza

Come può un commercialista contribuire a “salvare il pianeta” e fornire un importante servizio ai propri clienti?
Una riflessione sui vantaggi che porterà la fatturazione elettronica B2B.

Il risvolto green della fatturazione elettronica b2b

Osservare la propria scrivania con anima critica può far scattare un esame di coscienza con un’esplosione di susseguenti interrogativi.

I documenti pervadono la nostra vita quotidiana.

Il primo pensiero va alla carta in quanto materiale di consumo, ma, in effetti, c’è carta e carta. C’è quella di cui non potremmo mai privarci; difficile ad esempio rinunciare al piacere ed alla fragranza di un nuovo libro nuovo, come per molti è insostituibile la lettura del quotidiano. Non c’è poi riunione di lavoro che non produca appunti e scarabocchi da brain storming ma anche statistiche e grafici… indispensabili.
Ma c’è anche quella che dovremmo davvero eliminare perché del tutto inutile.

Una curiosità

Googolando abbiamo trovato questa interessante equivalenza: un pino alto 15 metri di misura media impiega produce 159 risme di fogli A4. Ci fidiamo della stima di Focus. Tutto sommato il costo “ambientale” non sembra nemmeno così pesante, ma quanto tempo ci mette a crescere una pianta del genere e in quanto tempo consumiamo 159 risme di carta? Inoltre, qual è il costo ambientale del processo di produzione della carta?

riciclo_carta

Il paradosso della fattura

Il paradosso emblematico è la fattura: le software house producono orgogliosamente soluzioni mirabolanti, efficaci, complete potenti. Qualche clic e tutto è pronto: migliaia di documenti partono veloci e corrono sui fili di rame, sulle fibre ottiche e nell’etere.
Poi però, giunti a destinazione, prendono corpo, diventano documenti cartacei che passano di mano in mano. Vengono martoriati, scritti, timbrati, bucati, protocollati, fino a quando, dopo un breve passaggio alla vita materiale, un bagliore li invade e in turbine di byte, eccoli smaterializzati, ritornano alla loro vera origine, quella digitale.

Viviamo un’epoca di “contraddizioni operative”, dove si producono informazioni digitali, si processano in vari modi e infine si digitalizzano nuovamente. Come è possibile che una civiltà smaccatamente digitale vi siano imprese, studi professionali e pubbliche amministrazioni che stampano le email e, in alcuni casi, persino le pec? Un delirio che al grido di “scripta manent” e “carta canta”, demolisce ogni buon proposito di digitalizzazione e contribuisce, non inconsapevolmente, ad un’anacronistica mattanza verde.

Dov’è allora l’innovazione?

Un passo avanti

Purtroppo la norma che introduce le nuove opportunità della fatturazione elettronica B2B deve fare i conti con un impianto normativo “vecchio” che costringe a compromessi. Inoltre i provvedimenti, poco chiari, prima promettono vantaggi fiscali ed operativi (D.lgs. 127/2015), poi li vanificano quasi totalmente (D.L. 193/2016).

Nonostante ciò, la fatturazione elettronica B2B rappresenta una concreta opportunità di emancipazione che permette ottimizzare la gestione dei documenti di vendita e può propagarne gli effetti benefici a tutti i livelli di gestione documentale.

Tuttavia, perché questo avvenga le imprese dovranno vincere pigrizia e diffidenza e ricercare i vantaggi operativi veri (oltre a quelli fiscali) rendendo più efficiente la propria organizzazione.

C'è davvero un risparmio?

Per poter ragionare in modo consapevole ai pro ed ai contro di una scelta strategica come quella del passaggio alla fatturazione elettronica, non è detto che un manager disponga di tutti gli elementi. Occorre, come sempre dal nostro punto di vista, ragionare in termini di produttività.

 

Adottare un sistema di fatturazione elettronica, e più in generale un buon sistema di gestione documentale, significa infatti risparmiare enormi quantità di tempo. Anche per le imprese, come per gli studi, la singola ora lavoro di un dipendente ha un costo pieno che non scende quasi mai sotto i 37 euro. E’ chiaro quindi che i benefici di una più efficiente gestione documentale, in termini di minor consumo di carta, minor di consumo di energia, minor senescenza delle apparecchiature d’ufficio, minori costi degli spazi di archiviazione, ecc., pur rilevanti, diventano trascurabili a confronto del maggior beneficio espresso dal risparmio di tempo ottenibile con una buona gestione dei documenti e delle informazioni.

Il tempo è infatti una risorsa preziosa ma difficile da misurare e governare.

Il ruolo attivo del commercialista

Come può un commercialista contribuire a “salvare il pianeta” e fornire un importante servizio ai propri clienti?

Le implicazioni di questa riflessione vanno in diverse direzioni.

Innanzi tutto il commercialista è esso stesso un’impresa di servizi e dunque tutti i vantaggi sopra descritti valgono anche per lo studio.

Il primo gesto d’amore nei confronti del pianeta, considerando l’elevato numero di documenti che lo studio produce, dovrebbe essere quello di adottare un sistema di conservazione digitale, con il quale comprimere enormemente il tempo improduttivo dedicato alla stampa, alla gestione ed alla archiviazione dei documenti amministrativi.

Altra iniziativa apprezzabile e consigliabile, è quella di operare questo tipo di valutazione per conto delle imprese clienti.

In questo caso infatti lo scenario si amplia.

Un’azienda che operasse in condizioni ideali, ovvero messa nelle condizioni di:

  • emettere fattura elettronica;
  • consegnare la fattura attraverso il sistema di interscambio messo a disposizione dalla Agenzia delle Entrate;
  • ricevere fatture elettroniche in modalità telematica, ovvero via pec;
  • gestire i documenti in modo organizzato;

.. potrebbe misurare vantaggi operativi davvero rilevanti.

I benefici sarebbero immediatamente estesi allo studio perché questo flusso permetterebbe di comprimere enormemente il tempo dedicato alla gestione amministrativa e contabile dell’azienda cliente.

E qui si può concludere l’esame di coscienza?

Responsabile Commerciale/ Direttore Rete Vendita presso Apogeo srl
e Consigliere di amministrazione presso Magister Saga Srl

2018-04-10T12:33:46+00:00

Leave A Comment